Pubblicato da: enrico de lea | giugno 8, 2017

il giornale della sera

attendevamo sempre il giornale
col giornale le parole all’occasione
le parole per ciascuno buone
a risolvere un groppo serale

erano le parole di Concetta,
che cuciva non solo le parole,
nella bottega sulla strada stretta,
in un paese fatto d’aria e sole

Annunci
Pubblicato da: enrico de lea | aprile 26, 2017

(l’ordine della casa)

entro, mi muovo al buio, attendo
ed apro le finestre, intento, tocco
l’ordine della casa, la permanenza
dei nostri cari, non per sempre morti

perché amati, scorti fino a toccarne
la linea l’anima con la coda dell’occhio – come te
tutti vicini, nel cuore nella carne
nell’inesausto fuoco nell’essenza

Pubblicato da: enrico de lea | aprile 15, 2017

L’uomo dei libri

La poesia e lo spirito

L’uomo dei libri era amico degli uomini e della terra. Da tempo manca all’appello della primavera. Ebbi modo di imbattermi in lui nella mia prima passeggiata nella nuova città ove ero giunto per lavoro, dopo essermi fermato alla Pensione Franchi, stracco dopo il lungo viaggio in treno. Giusto a metà aprile di anni fa, anni corsi via mentre io all’apparenza restavo a fissarne il movimento invisibile e certo, come la materia minerale ed i passi sull’acciottolato di una piazza.

Il mio primo amico in un luogo di Lombardia fu lui, che occupava la scena della minuscola libreria Atala in via della Vittoria, dove entrai curioso e desideroso di trovarvi un illusorio rifugio dalle storture del mondo, simile alla vecchia Hobelix della mia città sul mare. La libreria era assai simile a quella da me frequentata in via della Zecca. Gli stessi colori, le stesse edizioni artigianali, le stesse introvabili riviste, anche…

View original post 217 altre parole

Pubblicato da: enrico de lea | marzo 28, 2017

palinsesti filiali

giornate che resteranno palinsesti da raschiare

per scoprire e riscrivere i padri andati

i loro nomi le loro parole nel camminare

da un versante all’altro delle contrade

 

sarà sempre un’opera filiale, si voglia o no,

una parola sfuggita, un detto sfuggito all’oblio,

dovunque ci sia tempo e lentezza dell’occhio,

sulla terra dei loro passi, nel resto che non è addìo

Pubblicato da: enrico de lea | marzo 14, 2017

primo e secondo addio

(addii)
Non esistono addii, al paese:
Ci incontriamo e poi ci salutiamo,
Alla prossima volta, anno stagione mese –
Niente addii, ci basta un ci vediamo.

(ancora addii)
Poi, dice qualcuno, gli addii sono nelle cose,
Ma archi tribone luoghi nel teso raggio
Dei nomi dei morti, che nessuno nascose,
Segnano il rivederci, nel paesaggio.

Pubblicato da: enrico de lea | marzo 8, 2017

(date possibili)

Forse a fine febbraio, o ai primi di marzo, chissà,
Del Trentasei, o del Trentotto, lo “sciopero” delle donne
A Casalvecchio, per riavere assieme “la Comune”,
Sempre date possibili della tentata libertà.
Pubblicato da: enrico de lea | febbraio 13, 2017

(delfini)

i delfini ci seguono, che sanno

l’onda il salto il vortice e la risalita

dal profondo a una luce vittoriosa,

questa bellezza che tu esalti ancora

Pubblicato da: enrico de lea | gennaio 20, 2017

“La furia refurtiva”, letta da Giacomo Cerrai

Riporto due note di Giacomo Cerrai, apparse a suo tempo sul suo ricchissimo sito “Imperfetta ellisse”, relativamente a LA FURIA REFURTIVA (allora inedita , ora per Vydia editore) e ad una sezione di essa (Da un’urgenza della terra-luce).

***

(Mercoledì, 14 gennaio 2015)  Enrico De Lea – La furia refurtiva (inediti o quasi)

Enrico De Lea mi manda questo “manoscritto” che, da quel che ho capito, sarà il contenuto di un libro che verrà. Non del tutto inedito, dato che qualcosa si è già letto in rete, altro è stato ospitato in antologie o riviste e una delle sezioni (Da un’urgenza della terra luce) era già uscita a stampa nel 2012 (e ne avevo già parlato brevemente su IE – v. di seguito). Altri testi, prima separati (come i voli che trovate in uno dei post precedenti) sono stati uniti insieme. Un libro quindi che nasce dall’esigenza di raccogliere spunti, ispirazioni, tentativi espressivi altrimenti dispersi. E di fare anche, in un certo senso, “antologia” di sé. Poiché ho scritto in almeno tre occasioni sul lavoro di De Lea, rimando volentieri a quelle note (…), dato che credo che alcune delle cose segnalate rimangano sostanzialmente in piedi. In particolare, anche in questa raccolta, mi sembra di ritrovare:

  • una ancora marcata prevalenza del linguaggio come autentico “personaggio” della scrittura, come cordone ombelicale, ancora di salvezza, ragione di poesia, recupero di identità e altro ancora, come ad esempio il ri-radicarsi in una cultura che è “sua” ed insieme altra, lontana, irriproducibile. E quindi sostanzialmente nostalgica. Ma qui la lingua, se possibile, si fa ancora più alta, a tratti solenne nel suo incedere, quasi aulica.
  • un marcata assenza di qualsiasi influenza o ispirazione di carattere per così dire urbano. Questo concetto si lega da una parte a quanto detto sopra, dall’altra a quella “distanza” che segnalavo nelle note precedenti, distanza tra terra natia e terra di lavoro, distanza tra culture (e marcata dall’acculturamento dell’autore), distanza geografica, distanza tra linguaggio “normato” e linguaggio emotivo e degli affetti. Di concerto, il paesaggio non può che essere quello della terra natia, non certo quello lombardo (e il paesaggio è espressamente richiamato dall’esergo di Willem de Kooning: “Poi giunge un momento nella vita in cui si esce a fare una passeggiata, semplicemente. E si cammina nel proprio paesaggio”). Ancora, quindi, il nostos, inteso in senso – qui – più ampio.
  • all’opposto della distanza (ma non in maniera contraddittoria) c’è anche qui quell’ “avvicinamento” (alla cose, ai luoghi, agli emblemi, ai simboli) che marcava Da un’urgenza della terra luce (rimando ancora a quella nota), come un accostarsi di bolina a una riva familiare e indimenticata, un’Itaca perché no, che si vede avvicinarsi o riallontanarsi per qualche malevolo capriccio degli dei. Scrivevo allora: “Va da sé che ad ogni radicamento (od ossessione) corrisponde uno spaesamento, un luogo anche mentale in cui si “sta” ma non si “è”, un luogo che si cassa accuratamente dalla propria poesia e forse dalla propria biografia perchè la felicità è “laggiù” e “a quel tempo”. E da questo punto di vista la poesia di De Lea, se posso azzardare, è decisamente antimoderna o se volete felicemente strapaesana”. Lo confermo, precisando, se non fosse chiaro, che per quel che mi riguarda si tratta di un elemento di valore aggiunto.
  • una ancora forte “condensazione” (sì, proprio in senso freudiano) del linguaggio nonchè dell’immaginazione e del ricordo, continuamente ricostruito fino forse a “reinventarlo”, che fa sì che i testi talvolta acquistino un’aura onirica, come qualcosa di sognato in quell’area speciale che è la creazione poetica, collaterale e in conflitto con il quotidiano, segnato invece da una lingua d’uso, corrente, normativa.
Certo la scrittura di Enrico si è ulteriormente raffinata, asciugata ancora. Il suo rinnovamento e la sua “novità” (che però si allunga ora nel tempo) è sostanzialmente quella di una riscrittura in chiave moderna di una tradizione e di elementi culturali che proprio in terra di Sicilia hanno i loro fondamenti e i loro predecessori. Ri-scrittura talentuosa che in questa ipotesi di libro (che ha un’evidente carattere antologico) trova anche altri registri, altri paesaggi, altri fiati lirici, come nella sezione “Pause e licenze” nella quale anche si ammorbidisce l’asperità di una lingua che altrove ricerca un sapore arcaico o locale proprio in funzione del “ritorno a casa”; e una scrittura che torna talvolta ad essere “sottoposta – scrivevo altrove – al regime carcerario della forma chiusa, del metro, della rima”, dimostrando una innegabile capacità di utilizzare in chiave moderna i “contenitori” (“frottole”, ottave, distici “a dispetto” ecc.). Insomma con un ventaglio di chiavi che vanno da una “lingua non facile”  (S.Aglieco) che a volte mi ricorda Marina Pizzi e il suo precipitato verbale, a stupefacenti eco di Gadda (“Dalla consistenza della mappa / arborea s’affranca il causativo / ciottolo”), segno e conferma che per De Lea la lingua è materiale plastico e insieme nume tutelare e mito originario da cui è lecito aspettarsi (lui, noi) l’inaspettato.

***

(Giovedì, 15 novembre 2012 )  Enrico De Lea – Da un’urgenza della terra-luce

Enrico De Lea, di cui ho parlato in un paio di altre occasioni qui su IE, mi manda questo smilzo fascicoletto edito dall’Associazione culturale “La luna” (2011), di cui è direttore letterario Eugenio De Signoribus. Dieci brevi testi in tutto, una “sequenza poetica”, come ama chiamarla l’autore. Un termine ormai consueto nella poesia contemporanea, che anch’io in altre occasioni ho adottato, che sta a significare la rinuncia al poemetto, ad un’unitarietà che ormai non è di questo tempo frammentato, e insieme la volontà di aggrapparsi ad un filo di senso (o tòpico) che attraversa il nostro sentire e il nostro scrivere e in qualche modo quei frammenti riconnette.
Dice De Lea, dimostrando una perfetta consapevolezza del suo lavoro: “Sono testi – aventi come prestiti/pretesti fisici la costa e l’entroterra dell’area ionica prossima allo Stretto di Messina – con cui si tentano, forse da una distanza, profili di progressivi avvistamenti ed avvicinamenti ad una terra-luce, attraverso una parola arcuata tra passo collinare, bracciata e marea raggiunta o fuggita, un ossessivo, costante identificarsi coi luoghi resi luce e con la luce resa lingua e materia amata, una mitografla ctonia e naturale, in cui insiste anche la storia personale e collettiva”. Per altra via Enrico poi mi parla di “fantasia di avvicinamento ai “luoghi” “.
Mi è sempre piaciuta questa idea di avvicinamento, perchè da una parte suggerisce curiosità ed esplorazione, dall’altra implica un destino, quello cioè  – come nel paradosso dell’eleate Zenone – di un raggiungimento della meta mai definitivo. Tòpos quindi per me potente, a maggior ragione se lo si accosta al “luogo” (tòpos per eccellenza), area (non necessariamente fisica) in cui l’uomo si riconosce e forse si radica per sempre, costruendo quindi la sua propria “religio”.
Il radicamento mi sembra una delle costanti di De Lea, anche senza arrivare alla “ossessione” a cui egli stesso accenna. Ne avevo già parlato, mi sembra, a proposito di altri suoi lavori (v. QUI), in particolare “Ruderi del Tauro”, in cui – dicevo – c’è (a livello conscio e inconscio) una vera mitologia delle radici, dove tra l’altro il linguaggio ha un ruolo particolare, legando e insieme tenendo a bada le cose. Va da sé che ad ogni radicamento (od ossessione) corrisponde uno spaesamento, un luogo anche mentale in cui si “sta” ma non si “è”, un luogo che si cassa accuratamente dalla propria poesia e forse dalla propria biografia perchè la felicità è “laggiù” e “a quel tempo”. E da questo punto di vista la poesia di De Lea, se posso azzardare, è decisamente antimoderna o se volete felicemente strapaesana.
Ma qui c’è anche uno sguardo “doppio”, sia nel senso di cattura e resa della “luce”, sia del suo essere nel contempo esterno e interiorizzato, nonchè diacronico, poiché la distanza geografica o quella dislocazione che segnalavo in “Ruderi” spostano l’esperienza nel tempo e agiscono potentemente sul nostos e sul mito. Al doppio occhio, quello fisico e quello non solo memoriale e “distante” ma che  (anche) rielabora in soggettiva, bastano lacerti di realtà o vaghe suggestioni percettive per imbastire un quadro solidamente intramato con il linguaggio. Un occhio che non disvela frammenti di concretezza o li usa come correlativi oggettivi, ma che semmai ingemma quei frammenti in un pensiero o appunto in una nost-algia, che alla fine non è di De Lea ma è universale poichè il lavoro di “fasciatura” nel linguaggio degli elementi ispirativi è così accurato che l’io, in questi testi, si eclissa del tutto.

la-furia-ref

Pubblicato da: enrico de lea | gennaio 18, 2017

DUE RIFLESSIONI

La poesia e lo spirito

lalupa

(ripropongo in un unico testo, con alcune variazioni, due mie rifessioni apparse nel 2014 e nel 2015 sul mio blog, Da presso e nei dintorni, e sul sito Carteggi letterari)

I.

“Poiché i versi non sono – come crede la gente – sentimenti; essi sono esperienze”.
A suo tempo, arrivai a Rilke ed al suo “Malte” per il luminoso tramite delle traduzioni e degli scritti critici di Giame Pintor, e poi di Furio Jesi, meteore intellettuali e morali, la cui scomparsa da giovani lascia forse immaginare e rimpiangere un diverso presente.

View original post 968 altre parole

Pubblicato da: enrico de lea | novembre 10, 2016

maturazione

E non esiste fine, solo maturazione

piena di un frutto che illumina

e si fa presente come una vittoria

infinita, l’amore contro il tempo

– questo, nostro – di sempre.

E si ritorna, si avanza

nell’abbraccio che ritorna.

« Newer Posts - Older Posts »

Categorie