Parabol(ich)e dell’ultimo giorno – Per Emilio Villa

La dimora del tempo sospeso

collage villa bis leg

Emilio Villa

«Ho inventato la poesia distrutta, data in pasto sacrificale alla Dispersione, all’Annichilimento: sono il solo che ha buttato via il meglio che ha fatto». (Emilio Villa)

View original post 669 altre parole

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in 1356. Contrassegna il permalink.

Un pensiero su “Parabol(ich)e dell’ultimo giorno – Per Emilio Villa

  1. Affascinante concetto… mi ricorda, se mi si perdona il richiamo adolescenziale, il mio adolescenziale invaghimento per il film Fight Club. In entrambi i casi al perfezionismo soffocante proprio del formalismo autoreferenziale della società si contrappone, nel nostro profondo, una determinazione alla “crudeltà” (e qui mi viene fuori Artaud) che non risparmi neanche i nostri frutti migliori. Certo che il grado di sincerità di costui sembra di molto superiore a quello del pur bravo Fincher.
    Ammetto però che non lo conosco.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...