Pubblicato da: enrico de lea | aprile 19, 2013

Parabol(ich)e dell’ultimo giorno – Per Emilio Villa

La dimora del tempo sospeso

collage villa bis leg

Emilio Villa

«Ho inventato la poesia distrutta, data in pasto sacrificale alla Dispersione, all’Annichilimento: sono il solo che ha buttato via il meglio che ha fatto». (Emilio Villa)

View original post 669 altre parole

Annunci

Responses

  1. Affascinante concetto… mi ricorda, se mi si perdona il richiamo adolescenziale, il mio adolescenziale invaghimento per il film Fight Club. In entrambi i casi al perfezionismo soffocante proprio del formalismo autoreferenziale della società si contrappone, nel nostro profondo, una determinazione alla “crudeltà” (e qui mi viene fuori Artaud) che non risparmi neanche i nostri frutti migliori. Certo che il grado di sincerità di costui sembra di molto superiore a quello del pur bravo Fincher.
    Ammetto però che non lo conosco.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: