altre ottave

(ottava quarta – inclemenza)

Disinvoltura ormai mostrano i morti,
nel sonno unica traccia è quella voce
che appena ieri di consigli accorti
mi foderava, in un legno di noce
tratto da luoghi alti, dove sorti
d’oblio ingoio, al sole che mi cuoce.
Da sempre fuori si sfiorano vicende
all’insaputa dell’occhio di chi attende.

(ottava quinta – i termini)

Tra tirannide piena, edulcorata,
e passione dei volti, ingenerosa:
ecco i due termini della spianata
delle macerie, in cui cresce furiosa
siepe di spine od anima stentata,
col deserto di sempre, aria corrosa.
Fuori la storia e il privato momento,
contando i corpi, senza avvertimento.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...