refusi delle prime luci e tre ottave civili e private

(refusi delle prime luci)
Si decide a notte fonda,
prima di un’alba,
la gioia ripetuta dei vecchi.
Sentieri o acciottolati delle epoche
ascoltate come un cunto.
Verso l’alto, per un rifugio
con percezioni d’altro.
Verso una piena visione
dell’alfa materna, l’indizio-inizio
che al tauro riconduce.
A un niente d’erba
cui s’aggrappa e arrocca,
a una stasi del tempo di vergogna.
***
(tentativo di un’ottava)
Ai miei cancelli ringhiano quei cani
che ieri dominavano nei vicoli –
sono per sempre i cani del domani,
sangue che mi disperse in mille rivoli.
Li respinsi – a mia difesa ora ho forse mani
forti da brancolare contro, anzi che annuvoli
su questa ignota terra, nel dominio residuo
di frenetica resa, dell’illuso individuo?
***
(sec0nda tentata ottava)
L'”eu” dell’angelo, il “tau” della passione
hanno deciso principio e soccombenza,
infatti declinammo ogni occasione
nel meridione al tempo d’innocenza.
Ascoltiamo, c’è struscio d’ossessione
nel tempo assuefatto a quieta assenza.
Dei segni cancellati resta il vanto
d’essersi prodigati, senza schianto.
***
(etiche)
Pensa, le case che abitammo nell’assenza
che dentro vi s’impianta, dove i padri
non sono, ma in passato furono un’essenza
di verità scolpita e raccontata; qui, che ladri
nacquero tra noi, e fu esperienza
d’ombre senza figure, di grigi quadri
resi ai mercati a prezzi cravattari,
da trafuganti loschi, dritti re di denari.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...