Pubblicato da: enrico de lea | maggio 2, 2009

(prospettiva dell’ascesa)

000_0175

Dentro, nel corpo di, nel calco di
calcaree divinità sostantive,
degne del lampo della sparizione,
si decide ora un vento,
la sua seta d’ascesa
da un arco di tribona vicolare.
Questo, quell’altro, sopravvissuto,
monte dei dolori, il postumo
suo ciottolo si slega – era scalone –
all’aria prospettiva.
Dall’idea delle mappe qui si compie
la ventura inclinata dei muri
nella dimenticanza delle luci,
un’onda di diniego dai terrazzi,
specchi in frantumi tra fontane erose.

Annunci

Responses

  1. nei tuoi versi regna sempre un silenzio arcaico…
    è come immergersi nell’antichità delle mura e della terra
    ascoltandone gli echi…
    un vento nuovo che ti fa rabbrividire…

    Ciao Enrico

  2. ciao, Carla

    ti ringrazio


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: