Pubblicato da: enrico de lea | ottobre 26, 2008

(congettura sulle torri ioniche)

i.

Alla Lumera, una lapide al verdello,

al lauro marcito del poeta.

 

ii.

Torre Varata, fantasima arenaria.

 

iii.

Torre dei Ruffo, un castrum assottigliato.

 

iv.

Turris in Scala Alexii, sul fiume d’olivastri.

Come una morte che stagiona i corpi.

 

v.

Dopo il pozzo di Lazzaro, ad un nord

prossimo, la Torre delle lingue,

voci da un vero Ontario d’acque morte.

 

vi.

In Linguaphari, stonata musichetta

della più alta, della scaltra lavandaia,

prima della ferita sotto un mare estinto.

 

vii.

La Torre in villa, il riposo dopo

la prigionia, da Lepanto a un massacro

novellato e santo.

Annunci

Responses

  1. Buon giorno Enrico!

    leggendo questi tuoi brevi ed intensi frammenti
    t’immagino con un taccuino camminare per le viuzze della tua terra, prendere appunti, limare bene…c’è una grande scarnificazione delle parole
    nei tuoi testi…lasci l’essenziale, ma soprattutto mi gusta quel tuo…dosare bene le virgole 🙂

    p.s., tu hai brindato a Obama all’alba, io gli ho dedicato “i negrita”…:-)
    ciao
    C.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: