Pubblicato da: enrico de lea | novembre 2, 2007

(all’abisso)

449px-antonello_da_messina_035.jpg

Siano spoliazioni da ramaglie arse, da cui sia giunto
nunzio, osservante et mirato. Lo sguardo
che domina l’insano, dal manto
all’austera casa dell’interrogante. Al nero, all’abisso
dell’estinzione in un arco senza tremore.

P.S. Questi versi sono stati scritti in agosto, dopo aver visitato Palazzo Corvaja a Taormina, dove era esposta “L’Annunciata” di Antonello da Messina. Dal 04.10.2007 tale dipinto è in mostra al Museo Diocesano di Milano.

*testo apparso ne “lapoesiaelospirito.wordpress.com”

Annunci

Responses

  1. me la ricordo questa tua, su lpels, già allora mi aveva colpito per la sua intensa aura spirituale
    che solo l’osservanza di certe opere sprigiona…

  2. sì in effetti è un’opera che avvolge, come un manto di materna impassibilità – e ciò turba come ogni passione compressa, contenuta

  3. se l’arte arriva a turbarci così,
    ad innalzarci così…
    forse allora serve a qualcosa!

    (p.s., conosci i Kunsertu, Enrico?)

  4. pensa che tanti anni fa ebbi modo di assistere ai primi concerti (a Messina) di questo gruppo, di cui facevano parter alcuni amici/conoscenti -poi li ho persi di vista , seguendo un po’ meno il panorama musicale


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: