Pubblicato da: enrico de lea | ottobre 27, 2007

(persona – sequela prima, o dell’amore mortale)

testi apparsi il 21 ottobre 2007 sul sito collettivo “lapoesiaelospirito.wordpress.com”

*

Ammannendo i ricami
fatali, trappole per via
all’infera (immobile, ma desta).
Netta nell’iride
la scolpita
costanza, il teatro
forsennato suo d’amore, persona.

*

Il frutto lasso della dama,
dedalo del mugghiare,
raspa col corno
un talamo di pietra.
Torto alla traccia, all’arte
del solstizio, scopre
nel pugno
la chiave rugginosa.

*

Sfrigolio della passione ustoria,
si scherma dallo specchio, copre
ogni acqua – è serpe di Laconia,
magistero del taglio nell’icona.

*
Non sospettava
una ratio scenica alla merce
del banco donnesco,
prospero per
dominio d’oblio.
Per trascuranza
d’odio ne inumava
l’ostessa angelo magàra
rediviva – oh,
fioritura dei vasi levantini.

*

Con lo scatto caprino del nervo
esordisce, anima calcinata
ed osso, corpo
in memoria o in nuce,
serba la visione e luce
revoca, fornace dall’antro
collinare, da un vacuo
pensiero del calcare.
Sia, infine, materia la materia
amata.

*

Astuzia della pietra effimera,
l’amore mortale leviga, vellica, scarnifica.
Nega un saluto, tace ed acuisce
il passo, al tacco osceno.
Si narra del silenzio
estraneo e d’altra vita.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: